Dritto al punto
  • Il dipendente malato non riceve sempre il 100% dello stipendio: i primi 3 giorni prende il 100%, dopodiché varia (dipende da CCNL – vedi il resto dell’articolo)
  • Lo stipendio è pagato sempre dall’azienda, ma l’INPS ne rimborsa una parte. La percentuale rimborsata dall’INPS varia durante la malattia. Il rimborso avviene come riduzione dei contributi futuri (compensazione F24)
  • Se la malattia supera i 180 giorni di malattia, l’INPS non paga più e puoi (ma non devi) licenziare il dipendente

Malattia vs infortunio

Esistono 3 diversi concetti:

  • Malattia: ha una causa extralavorativa. Esempio: ti prendi l’influenza, o ti rompi una gamba sciando. Trattata in questo articolo ✅
  • Infortunio: ha una causa “violenta e immediata”. Esempio: ti sloghi una caviglia. Per capire chi paga l’infortunio, clicca qui
  • Malattia professionale: è una malattia sorta a causa lavoro. Esempio: intossicazione da sostanze chimiche. Per capire chi paga la malattia professionale, clicca qui

Per maggiori informazioni sulle differenze, vedi Malattia, Infortunio e Malattia Professionale: le differenze.

Chi paga la malattia al dipendente?

  • Nei primi tre giorni paghi tu, il datore di lavoro
  • Dal quarto giorno in poi, dipende da inquadramento e CCNL
CCNLPagati in parte da INPSPagati 100% da azienda
Commercio• Operai 
• Impiegati 
• Lavoratori a domicilio
• Quadri
• Dirigenti
Metalmeccanico• Operai 
• Lavoratori a domicilio
• Impiegati 
• Quadri 
• Dirigenti
Non sempre l’INPS paga una parte della malattia. Ogni CCNL è diverso.

Quanto paga l’INPS e quanto l’azienda?

Dipende dal contratto collettivo, ma in generale:

  • Il lavoratore non riceve sempre il 100% dello stipendio
  • Lo stipendio è anticipato dall’azienda, e poi l’INPS ne rimborsa una parte all’azienda
  • Oltre i 180 giorni l’INPS non paga più e puoi licenziare il dipendente (vedi articolo Licenziamento per malattia prolungata)
  • Con contratto a tempo determinato: il periodo massimo per cui il dipendente verrà retribuito è pari al periodo lavorato nell’ultimo anno (sempre con un massimo di 6 mesi). Nel CCNL Commercio

Giorni di
malattia
Stipendio ricevuto
dal dipendente
Quanto paga l’aziendaQuanto paga l’INPS
1 – 3100% (le prime 2 volte)100%0%
4° – 20°75%25%50%
21° – 180°100%34%66%
180° +0%0%0%
* Al terzo evento di malattia: 66%; il quarto: 50%; dal quinto in poi: 0%
Anzianità
dipendente
Giorni di
malattia
Stipendio ricevuto
dal dipendente
Quanto paga
l’INPS
< 3 anni1°-122°100%0%
123°-180°80%0%
180°-183°80%0%
3 – 6 anni1°-153°100%0%
153°-180°80%0%
180°-27480%0%
6+ anni1°-214°100%0%
215°- 36580%0%
Nel CCNL Metalmeccanico l’INPS copre parte della malattia solo per Operai e Lavoratori a domicilio

In altri CCNL

E’ un delirio: ci son oltre 900 CCNL in Italia e ognuno fa le cose a modo suo. Chiedi al tuo consulente del lavoro. Se usi Jet HR, parla con il consulente del Jet HR Partner Network che lavora con te.

Come paga l’INPS?

L’azienda anticipa sempre tutto lo stipendio, anche la parte a carico dell’INPS, e poi detrae quel costo dall’F24 (quindi il 16 del mese successivo)

Gestisci la malattia in semplicità con Jet HR

Con Jet HR puoi gestire la malattia con estrema semplicità:

  • Il dipendente chiede malattia tramite app e carica il certificato medico.
  • L’HR approva/rifiuta con un clic.
  • La gestione dello stipendio e dell’INPS durante la malattia sono completamente automatizzati: non dovrai preoccuparti di nulla. I report di costo rifletteranno solo la quota parte del costo a carico dell’azienda.

Piattaforma HR per gestione delle assenze (incluse per malattia)

Autore dell’articolo
Marco Ogliengo Marco Ogliengo Imprenditore
Marco è un imprenditore. Ha fondato ProntoPro e Jet HR e assunto centinaia di dipendenti, e nel farlo ha commesso tutti gli errori possibili (da cui ha però imparato). È un odiatore della burocrazia, delle complicazioni inutili e di chi non sa semplificare.

Nota rapida: questa non deve essere considerata una consulenza fiscale. Poiché le norme fiscali cambiano nel tempo e possono variare a seconda del luogo e del settore, consultate un commercialista o un consulente fiscale per avere indicazioni specifiche. Trova un consulente paghe con Jet HR.

Revisionato da
Maurizio Pili Maurizio Pili Consulente del lavoro

Percorso di studi

  • Laurea in economia all’università di Cagliari nel 2011
  • Abilitazione a Consulente del Lavoro nel 2018

Biografia
Maurizio Pili è un consulente del lavoro del Jet HR Partner Network. È iscritto all’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Cagliari con numero 819. E’ specializzato in organizzazione e sviluppo aziendale, welfare e ottimizzazione dei costi del personale. Ha più di 10 anni di esperienza nel mondo HR.

“Le aziende sono il motore della nostra economia, ma le persone sono gli ingranaggi che muovono le imprese”

Questa pagina è stata verificata tramite un processo a 3 fasi: scrittura, controllo e chiarezza. Scopri e leggi il nostro processo d i revisione.