Dritto al punto
  • Assumere un lavoratore straniero in Italia (o a lavorare per una società italiana) richiede un sacco di burocrazia, sopratutto se il lavoratore viene da un Paese extra UE
  • Se assumi uno straniero UE, la procedura cambia a seconda che risieda in Italia o semplicemente lavori per una società italiana mantenendo la residenza all’estero
  • Se assumi uno straniero extra UE, devi seguire una procedura diversa a seconda che il lavoratore svolga delle professioni “altamente qualificate” (es: ingegnere, project manager, responsabile budget), oppure no. In ogni caso, anche se hai individuato chi assumere, devi per forza chiedere al Centro per l’Impiego di suggerirti dei lavoratori prima

Un po’ di contesto

  • Tutti i lavoratori stranieri assunti in Italia hanno diritto allo stesso trattamento economico e normativo dei lavoratori italiani
  • Le regole per la gestione dei rapporti di lavoro cambiano se si tratta di stranieri comunitari (cittadini UE) o extra-comunitari (che non fanno parte dell’UE)

Come assumere uno straniero UE1

  1. Il lavoratore che risiede in Italia dovrà:
    1. iscriversi all’anagrafe del comune Italiano in cui risiede
    2. richiedere l’emissione del codice fiscale italiano all’Agenzia delle Entrate (modulo)
  2. Il lavoratore che non risiede in Italia (ad es: lavoratore straniero che inizia a lavorare per società italiana ma ha residenza all’estero) dovrà, invece, chiedere l’attribuzione di un codice fiscale italiano alla rappresentanza diplomatico-consolare italiana nel paese di residenza

Come assumere uno straniero extra UE

Premessa: puoi assumere uno straniero extra UE fino al raggiungimento di specifici limiti numerici a livello nazionale2 e, anche se hai individuato il lavoratore da assumere, devi per forza inviare una richiesta di personale al Centro per l’Impiego in cui gli fai richiesta “formale” di suggerirti dei lavoratori

Cosa fare:

Step 1. invia una richiesta di personale al Centro per l’Impiego (compilando questo modulo): in sostanza, devi descrivere il tipo di profilo che stai cercando

Step 2. puoi procedere ad assumere la persona che hai individuato solo se si verifica una di queste condizioni:

  • non ricevi riscontro dal Centro entro 15gg
  • il lavoratore eventualmente individuato dal Centro non è idoneo
  • trascorsi 20gg, il lavoratore individuato dal Centro non si presenta per un colloquio

Step 3. se si verifica una di queste condizioni, dovrai fare una richiesta di “nulla osta” al Centro (modello qui!) e potrai procedere con l’assunzione

Step 4. prima che il lavoratore arrivi in Italia, registrati3 e richiedi il nulla osta allo sportello unico telematico per l’immigrazione (link)

Step 5. se la procedura di verifica e rilascio va a buon fine, il lavoratore riceverà il contratto e il visto di ingresso tramite il consolato nel suo Paese (entro 90 giorni)

Step 6. il lavoratore entra in Italia ed entro 8gg deve sottoscrivere il contratto di soggiorno allo sportello unico per l’immigrazione4

Step 7. procedi all’assunzione con le modalità standard (UNILAV, contratto ect.)

Come assumere uno straniero extra UE altamente qualificato

Premessa: i lavoratori “altamente qualificati” sono quelli che svolgono le professioni nei livelli 1, 2 e 3 della classificazione Istat delle professioni (ad es: ingegneri, project manager, responsabile budget, la lista completa qui!). Per loro, non valgono i limiti numerici per lavoratori stranieri visti sopra, ma devi comunque seguire le formalità con il Centro per l’Impiego:

Step 1. invia una richiesta di personale al Centro per l’Impiego (compilando questo modulo): in sostanza, devi descrivere il tipo di profilo che stai cercando

Step 2. puoi procedere ad assumere la persona che hai individuato solo se si verifica una di queste condizioni:

  • non ricevi riscontro dal Centro entro 15gg
  • il lavoratore eventualmente individuato dal Centro non è idoneo
  • trascorsi 20gg, il lavoratore individuato dal Centro non si presenta per un colloquio

Step 3. se si verifica una di queste condizioni, dovrai fare una richiesta di “nulla osta” al Centro (modello qui!) e potrai procedere con l’assunzione

Questi step sono gli stessi, sia che il lavoratore abbia già la Carta Blu, sia che la debba ancora richiedere

Il lavoratore non ha la Carta Blu UE:

Step 1. 

prima che il lavoratore arrivi in Italia, registrati e richiedi la Carta blu UE5 allo sportello unico telematico per l’immigrazione

Step 2. se la procedura di verifica e rilascio va a buon fine, il lavoratore riceverà il contratto e il visto di ingressotramite il consolato nel suo Paese (entro 90 giorni)

Step 3. il lavoratore entra in Italia ed entro 8gg deve sottoscrivere il contratto di soggiorno allo sportello unico per l’immigrazione

Step 4. procedi all’assunzione con le modalità standard (UNILAV, contratto ect.)

Il lavoratore ha già una Carta Blu UE rilasciata da un altro Stato

Step 1. il lavoratore entra in Italia ed entro 8gg deve presentarsi in questura per effettuare la comunicazione di presenza in Italia e sottoscrivere il contratto di soggiorno allo sportello unico per l’immigrazione

Step 2. entro un mese dal suo ingresso registrati e richiedi il nulla osta allo sportello unico telematico per l’immigrazione (link) entro 30gg viene effettuata la modifica dello Stato connesso alla Carta Blu

Step 3. procedi all’assunzione con le modalità standard (UNILAV, contratto ect.),

Domande Frequenti

In quali casi potrebbe essere rifiutato o revocato il nulla osta o il permesso di soggiorno?

  • Il nulla osta potrebbe essere rifiutato nei seguenti casi:
    • Il datore di lavoro è stato condannato negli ultimi 5 anni, anche con sentenza non definitiva per reati come, ad esempio: favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, sfruttamento del lavoro, occupazione di lavoratori stranieri privi del permesso di soggiorno,
    • Il lavoratore non si reca presso lo sportello per la firma del contratto di soggiorno entro 8 giorni dal suo ingresso in Italia, salvo che il ritardo dipenda da cause di forza maggiore
  • Il permesso di soggiorno o il rinnovo viene rifiutato per:
    • Mancanza dei requisiti richiesti per l’ingresso e il soggiorno nel territorio italiano (sempre che non si tratti di irregolarità amministrative sanabili)
    • Il lavoratore non rispetta convenzioni o accordi internazionali, che prevedono condizioni di soggiorno applicabili in uno degli Stati contraenti

Che cos’è il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo?

È un permesso di soggiorno a tempo indeterminato che può essere richiesto dal lavoratore extracomunitario se soggiorna in Italia da almeno 5 anni e gli permette di svolgere attività lavorativa subordinata senza la necessità di sottoscrivere il contratto di soggiorno. Il rilascio è subordinato al rispetto di specifiche condizioni:

  • la disponibilità di un reddito sufficiente (non inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale) e di un alloggio idoneo
  • il possesso di un livello di conoscenza della lingua italiana certificato dal superamento di un test linguistico

  1. Sono equiparati ai cittadini dell’Unione Europea i cittadini Svizzeri e i cittadini degli stati appartenenti allo Spazio Economico Europeo – SEE (Norvegia, Islanda, Liechtenstein). ↩︎
  2. Nel triennio 2023-2025 il limite nazionale è di 452k divisi tra: (i) lavoratori subordinati stagionali e non (449.890) e (ii) lavoratori autonomi (2110) ↩︎
  3. È possibile inoltrare le richieste durante i click day (specifici per tipo di assunzione e.g. stagionali) e fino al 31.12.24. ↩︎
  4. È un ufficio presente in ogni prefettura. ↩︎
  5. È il nulla osta rilasciato ai lavoratori altamente qualificati. ↩︎
Autore dell’articolo
Margherita M. Pili Margherita M. Pili Assistente Legale
Margherita è assistente legale presso un primario studio di avvocati giuslavoristi, dove lavora da oltre 8 anni. Ha una passione per la semplificazione e una profonda conoscenza della legge del lavoro.

Nota rapida: questa non deve essere considerata una consulenza fiscale. Poiché le norme fiscali cambiano nel tempo e possono variare a seconda del luogo e del settore, consultate un commercialista o un consulente fiscale per avere indicazioni specifiche. Trova un consulente paghe con Jet HR.

Revisionato da

Questa pagina è stata verificata tramite un processo a 3 fasi: scrittura, controllo e chiarezza. Scopri e leggi il nostro processo d i revisione.