Dritto al punto
  • Di base, licenziare un dirigente è più semplice di licenziare un dipendente: basta che non lo licenzi per motivi pretestuosi o inesistenti. Devi però sempre licenziarlo per iscritto e dando una motivazione!
  • Licenziare un dirigente ha un costo alto, perché il suo preavviso è di solito molto lungo (dai 6 mesi in su a seconda dell’anzianità lavorativa). Se poi riesce a dimostrare che la motivazione per cui lo hai licenziato è pretestuosa, devi pagare un’ulteriore indennità

Quando puoi licenziare un dirigente

In genere, è più semplice licenziare un dirigente rispetto ad un dipendente “normale”. Puoi licenziare un dirigente per:

  • “giustificatezza”1: è sufficiente non licenziare il dirigente per ragioni pretestuose o inesistenti. Devi specificare il motivo quando licenzi e devi pagare il preavviso
  • giusta causa: il dirigente fa qualcosa di talmente grave da non permettere, nemmeno temporaneamente, che il rapporto di lavoro continui (e.g. vende segreti aziendali a terzi). Puoi licenziarlo subito senza preavviso

Calcolo del preavviso

Il preavviso per i Dirigenti dipende:

  • dal CCNL Dirigenti applicato
  • da quanto ha lavorato in azienda, anche prima di diventare dirigente

Attenzione! Per calcolare il preavviso a volte si devono considerare, oltre la retribuzione, anche eventuali premi dati al dirigente: dipende come sempre dal CCNL. Ad es. nel CCNL Dirigenti Commercio si prende la media dei premi dei 3 anni precedenti al licenziamento.

Esempi:

CCNL Dirigenti Commercio

Anzianità di servizioDurata preavviso
fino a 4 anni6 mesi
da 4 a 10 anni8 mesi
da 10 a 15 anni10 mesi
oltre 15 anni12 mesi

Attenzione: Se il dirigente ha i requisiti per il pensionamento, il preavviso sarà 30gg + le mensilità utili per il raggiungimento della pensione

Da quando parte il preavviso: il preavviso parte dal 1° e dal 16° gg del mese in cui comunichi il licenziamento. Ad es. se comunichi il licenziamento il 3/03, il preavviso decorrerà dal 15/03. Se comunichi il licenziamento il 16/03, il preavviso decorrerà dall’1/04

CCNL Dirigenti Industria

Anzianità di servizioDurata preavviso
fino a 6 anni6 mesi
da 6 a 10 anni8 mesi
da 10 a 15 anni10 mesi
oltre 15 anni12 mesi

Da quando parte il preavviso: il preavviso parte dal 1° e dal 16° gg del mese in cui comunichi il licenziamento

Quando non puoi licenziare un dirigente

Non puoi licenziare un dirigente per gli stessi motivi per cui non puoi licenziare un dipendente, e cioè:

  • motivi discriminatori (discriminazione politica, religiosa, sindacale o di genere) o di ritorsione contro il dirigente
  • maternità (dall’inizio del periodo di gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino)
  • matrimonio (lavoratrice che sta per sposarsi o che si è sposata da meno di 1 anno)

Se il dirigente prova che rientra in uno di questi casi, il licenziamento è nullo

Come licenziare un dirigente

Licenziamento per motivi diversi dalla giusta causa

E’ sufficiente che comunichi il licenziamento per iscritto e indichi la motivazione

Licenziamento per giusta causa

Step 1: invia al dirigente una contestazione disciplinare con prova di consegna, in cui contesti solo il comportamento del dirigente e non parli ancora di licenziamento

Step 2: concedi al dirigente almeno 5 giorni per giustificare il proprio comportamento o per chiedere di essere sentito. Se lo richiede, sei obbligato ad ascoltare le giustificazioni

Step 3: entro pochi giorni dalla risposta del dirigente o in assenza di risposta, puoi interrompere il rapporto di lavoro inviando una lettera di licenziamento con metodo tracciabile (e.g. pec o raccomandata a/r)

Step 4: entro 5 giorni dalla fine del rapporto di lavoro invia la comunicazione di cessazione. Se sei cliente Jet HR, se ne occupa il consulente del Network Jet HR Partner!

Licenziamento illegittimo: cosa rischi

In caso di licenziamento illegittimo, rischi

  • per assenza di giusta causa â­¢ pagamento del preavviso
  • per assenza di giustificatezza â­¢ pagamento di un’indennità risarcitoria
  • per licenziamento discriminatorio, illecito o ritorsivo â­¢ licenziamento nullo + mensilità che il lavoratore avrebbe percepito fino alla sentenza se avesse lavorato + eventuale indennità ulteriore
  • in ogni caso, se perdi la causa devi pagare le spese di giudizio

Indennità supplementare

  • È un’indennità che devi pagare al dirigente se lo licenzi per ragioni pretestuose o inesistenti (quindi manca la “giustificatezza”). Quanto devi pagare lo dice il CCNL e può variare a seconda dell’anzianità di servizio e dell’età
  • Funziona come il preavviso e può comprendere, quindi, anche eventuali premi dati al dirigente (ad es. CCNL Dirigenti Commercio)
  • Di base la devi pagare se il dirigente ti fa causa e la vince. La puoi prendere, però, come riferimento per trovare un accordo con il dirigente ed evitare cause

CCNL Dirigenti Commercio

1° criterio di calcolo: per anzianità di servizio

Anzianità di servizioIndennità supplementare
fino a 4 annida 4 a 8 mensilità
da 4 a 6 annida 6 a 12 mensilità
da 6 a 10 annida 8 a 14 mensilità
da 10 a 15 annida 10 a 16 mensilità
oltre 15 annida 12 a 18 mensilità

2° criterio di calcolo: oltre i 12 anni di servizio da dirigente, alle mensilità del 1° criterio, si aggiungono mensilità per età anagrafica

Età anagraficaIndennità supplementare
tra 50 e 55 anni4 mensilità
tra 56 e 61 anni5 mensilità
oltre i 60 anni e fino all’età pensionabile6 mensilità

Esempio:

Rischio valutabile per licenziamento illegittimo di dirigente con:

  • 13 anni anzianità di servizio: min. 10 mens. max 16
  • 50 anni di età anagrafica: 4 mens.

Quindi potresti dover pagare da un minimo di 14 mens. a un massimo di 20 mensilità

CCNL Dirigenti Industria

Anzianità di servizioIndennità supplementare
fino a 2 anni4 mensilità
oltre 2 sino a 6 annida 4 a 8 mensilità
oltre 6 sino a 10 annida 8 a 12 mensilità
oltre 10 sino a 15 annida 12 a 18 mensilità
oltre 15 annida 18 a 24 mensilità

Esempio:

Rischio valutabile per licenziamento illegittimo di dirigente con:

  • 13 anni anzianità di servizio: min. 12 mens. max 18
  • anni di età anagrafica: parametro non necessario

Quindi potresti dover pagare da un minimo di 12 mensilità a un massimo di 18 mensilità

Il Consiglio di Jet HR

In fase di assunzione di un dirigente, valuta di prevedere un “parachute2: è un accordo con cui tu e il dirigente concordate il numero di mensilità da pagargli nel caso in cui termini il rapporto di lavoro. All’inizio del rapporto conviene di più al dirigente, perché il maggior rischio di essere licenziato è nel primo periodo; più si allunga il rapporto lavorativo, più diventa conveniente per l’azienda. Il pro è che ti tuteli contro una maxi indennità, ma il contro è che il dirigente è più incentivato a farsi licenziare (e a non dare le dimissioni)

Fonti

  1. In realtà, per legge licenziare un dirigente dovrebbe essere “libero”, senza necessità di motivazione o giustificazione. Nella pratica, però, sia i CCNL che le sentenze richiedono il requisito della giustificatezza, cioè che il licenziamento non sia pretestuoso ↩︎
  2. Spesso sono gli stessi dirigenti a pretendere un parachute: infatti, in alcune grandi aziende, questo accordo diventa per loro una sorta di “buona uscita” (che a volte è anche milionaria!) ↩︎
Autore dell’articolo
Margherita M. Pili Margherita M. Pili Assistente Legale
Margherita è assistente legale presso un primario studio di avvocati giuslavoristi, dove lavora da oltre 8 anni. Ha una passione per la semplificazione e una profonda conoscenza della legge del lavoro.

Nota rapida: questa non deve essere considerata una consulenza fiscale. Poiché le norme fiscali cambiano nel tempo e possono variare a seconda del luogo e del settore, consultate un commercialista o un consulente fiscale per avere indicazioni specifiche. Trova un consulente paghe con Jet HR.

Revisionato da

Percorso di studi

  • Laurea triennale interprete e traduttore SSML Carlo Bo di Roma nel 1998
  • Laurea in Giurisprudenza Università Marconi nel 2011
  • Corso abilitante Mediatore Civile professionista nel 2011
  • Abilitazione a Consulente del Lavoro nel 2004

Biografia
Luisa Burgio è una consulente del lavoro del Jet HR Partner Network. E’ iscritta all’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Agrigento con numero 259 dal 2004.
E’ specializzata in organizzazione e sviluppo aziendale, ottimizzazione dei costi del personale, assunzioni agevolate, gestione del contenzioso del lavoro.
Appassionata di formazione, è stata docente in corsi di formazione per informatica di base, gestione del personale, payroll e nei corsi per praticanti consulenti del lavoro organizzati dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Agrigento.
Gestisce uno studio di consulenza fiscale e del lavoro ad Agrigento insieme al fratello.

“L’investimento più importante per un imprenditore è quello che fa sulle persone che lo supportano”

Questa pagina è stata verificata tramite un processo a 3 fasi: scrittura, controllo e chiarezza. Scopri e leggi il nostro processo d i revisione.