Cos’è il congedo matrimoniale?

Ogni dipendente, quando si sposa, ha diritto a 15 giorni di permesso per fare la “luna di miele”, da prendere entro 1 mese dal matrimonio

Chi ne ha diritto?

Tutti i dipendenti che abbiano superato il periodo di prova

Quanti giorni spettano al dipendente per congedo matrimoniale?

Di norma 15 giorni di calendario, salvo migliori condizioni previste dal CCNL applicato.

Attenzione! I 15 gg non sono lavorativi: questo significa che sono inclusi sabato e domenica

Il lavoratore può utilizzare il congedo matrimoniale prima del matrimonio?

Può farlo a partire dal 3° giorno che precede la data delle nozze, salvo diversamente accordato con il datore di lavoro

Un dipendente può utilizzare il congedo superati i 30 giorni dalle nozze?

Per legge no, però può farlo lo stesso se lo concorda con il datore di lavoro. In caso contrario, perderà il diritto ad usufruire dei giorni di congedo matrimoniale

Il dipendente deve fornire documentazione al datore di lavoro?

Se il datore di lavoro ne fa richiesta, il dipendente è tenuto a fornire copia del certificato di matrimonio o una dichiarazione sostitutiva (e.g. stato di famiglia) entro 60 giorni dallo svolgimento delle nozze. Non è obbligatorio per legge

Il datore di lavoro può negare il congedo al dipendente?

Solo se il dipendente lo richiede oltre i 30 giorni dalle nozze. In caso contrario, il datore di lavoro non potrĂ  farlo

Un dipendente ha diritto al congedo anche se non è la prima volta che si sposa?

Si, il diritto è riconosciuto per successivo matrimonio se si è vedovi o divorziati.

È possibile licenziare un dipendente durante il periodo di tutela per matrimonio?

No! Il licenziamento durante il periodo di tutela matrimoniale (dal giorno delle pubblicazioni e fino a un anno dal matrimonio) è nullo (leggi di piÚ qui!)

Autore dell’articolo
Margherita M. Pili Margherita M. Pili Assistente Legale
Margherita è assistente legale presso un primario studio di avvocati giuslavoristi, dove lavora da oltre 8 anni. Ha una passione per la semplificazione e una profonda conoscenza della legge del lavoro.

Nota rapida: questa non deve essere considerata una consulenza fiscale. PoichĂŠ le norme fiscali cambiano nel tempo e possono variare a seconda del luogo e del settore, consultate un commercialista o un consulente fiscale per avere indicazioni specifiche. Trova un consulente paghe con Jet HR.