Dritto al punto

Ogni lavoratore ha diritto per legge a riposarsi: 11 ore di riposo tra una giornata lavorativa e l’altra e 1 giorno di riposo ogni 6 giorni di lavoro. Nessun accordo può mai eliminare il diritto al riposo: al massimo, la reperibilità può limitarlo dietro un indennizzo

Un po’ di contesto

  • Per legge1 ogni lavoratore ha diritto a:
    • riposo giornaliero: 11h consecutive tra un turno e l’altro (o tra un giorno lavorativo e l’altro) riposo settimanale: ogni 6gg di lavoro, 1 giorno di riposo
    per un totale di 35h complessive tra una settimana e l’altra
  • Nessun accordo può MAI prevedere la rinuncia del lavoratore al riposo settimanale
  • I CCNL possono invece modificare il numero di ore, prevedere un giorno di riposo diverso dalla domenica o prevedere indennità in caso di reperibilità domenicale senza riposo

Riposo settimanale

In generale, il riposo settimanale dovrebbe coincidere con la domenica. Tuttavia, è possibile fissarlo in una giornata diversa se l’attività lavorativa prevede:

  • turnazioni particolari
  • attività che prevedono, per ragioni tecniche, lo svolgimento continuativo dell’attività lavorativa
  • industrie stagionali
  • stabilimenti termali
  • altre casistiche individuate dai CCNL

I lavoratori reperibili non hanno diritto al riposo?

  • Avere l’obbligo di reperibilità di per sé non interrompe il periodo di riposo, ma semplicemente lo limita
  • Per questo al lavoratore paghi un indennizzo perché si renda disponibile ad interrompere il periodo di riposo in caso di necessità
  • Se durante il suo riposo il dipendente viene chiamato a lavorare, questa chiamata non gli dà automaticamente diritto a un altro giorno di riposo compensativo

Come gestire i riposi se il dipendente ha più lavori?

Nel caso in cui un tuo dipendente svolga altre attività lavorative dovrai assicurarti che:

  • goda delle 11h di riposo
  • utilizzi il giorno di riposo
  • non superi il numero massimo di ore/settimana previste dalla legge

Rischi e Sanzioni

IllecitoSanzione
Mancato utilizzo riposo giornaliero– Fino a 5 lavoratori 120-360€
– Da 6 a 10 lavoratori o almeno 3 periodi da 24h 720 – 2.400€
– Da 11 lavoratori o almeno 5 periodi di 24h 2.160 – 7.200€
Mancato rispetto del riposo settimanale– Fino a 5 lavoratori 240-1.800€
– Da 6 a 10 lavoratori 960 – 3.600€
– Da 11 lavoratori 2.400 – 12.000€

Attenzione! Se nei tre anni precedenti alla sanzione, sei già stato sanzionato per lo stesso motivo, le sanzioni sopra riportate verranno raddoppiate.

Fonti

  • Legge di Bilancio 2019
  • D.lgs. 66/2003 art. 18-bis
  • 81/08
  • Cost. Art. 36
  • 145/2018
  • Min. Lav., nota 29.5.2008, n. 13
  1. Le regole generali sul riposo non si applicano: ai lavoratori che per cambi turno o squadra non possono utilizzare i periodi di riposo giornaliero o settimanale tra la fine di un turno e l’inizio del nuovo; alle attività di lavoro frazionate (e.g. il personale alberghiero che si occupa delle pulizie); per le attività discontinue di chi lavora a bordo dei treni; qualora i contratti collettivi stabiliscano previsioni diverse. ↩︎
Autore dell’articolo
Margherita M. Pili Margherita M. Pili Assistente Legale
Margherita è assistente legale presso un primario studio di avvocati giuslavoristi, dove lavora da oltre 8 anni. Ha una passione per la semplificazione e una profonda conoscenza della legge del lavoro.

Nota rapida: questa non deve essere considerata una consulenza fiscale. Poiché le norme fiscali cambiano nel tempo e possono variare a seconda del luogo e del settore, consultate un commercialista o un consulente fiscale per avere indicazioni specifiche. Trova un consulente paghe con Jet HR.

Revisionato da

Questa pagina è stata verificata tramite un processo a 3 fasi: scrittura, controllo e chiarezza. Scopri e leggi il nostro processo d i revisione.