Dritto al punto
  • Trasferta: il dipendente cambia temporaneamente luogo di lavoro
  • Distacco: il dipendente viene momentaneamente spostato in un’altra azienda e inizia a lavorare per un datore di lavoro diverso da te
  • Trasferimento: il dipendente viene definitivamente trasferito in un’altra unitĂ  produttiva della tua azienda

Un po’ di contesto

Trasferta, distacco e trasferimento si differenziano per:

  • durata
  • potere direttivo
  • motivazione
  • burocrazia

In cosa si somigliano?

  • variazione del luogo di lavoro
  • chi paga è sempre la stessa persona: tu!

1. Trasferta

Caratteristiche

  • decidi tu chi, come e quando deve andare in trasferta
  • dovrai rimborsare le spese di trasferta (i dettagli qui!)
  • non ci sono limiti di distanza

Esempio: Vuoi che un tuo dipendente partecipi a un evento di settore in un’altra città

Durata

  • non è una situazione definitiva
  • non è prevista una durata predefinita

Attenzione! Non confondere la trasferta con il trasfertismo:

  • condizione che va inserita nel contratto di assunzione senza l’indicazione della sede di lavoro
  • prevede continua mobilitĂ  da parte del dipendente
  • prevede il pagamento di un’indennitĂ  o di una maggiorazione, di importo fisso, della retribuzione a prescindere dall’effettivo svolgimento delle trasferte1

Esempio: Hai un responsabile HR che deve occuparsi di chiudere contratti e formare dipendenti su tutto il suolo nazionale e in presenza

Burocrazia

  • dovrai comunicare la trasferta all’INAIL solo se il dipendente potrebbe essere esposto a rischi diversi da quelli per i quali è giĂ  assicurato
  • la comunicazione della trasferta al lavoratore può avvenire anche solo a voce

2. Distacco

Caratteristiche

  • devi avere un interesse specifico e concreto per poter procedere al distacco (e.g. distacchi un lavoratore perchĂŠ vuoi che apprenda l’utilizzo di una nuova attrezzatura che vorresti adottare in azienda)
  • trasferisci il potere direttivo, nei confronti del lavoratore distaccato, al datore di lavoro ospitante
  • retribuzione, contribuzione e assicurazione restano a tuo carico

Attenzione! Puoi sempre accordarti con l’azienda ospitante perché ti rimborsi il costo effettivo che hai sostenuto per il lavoratore distaccato

Durata

  • Varia in base al motivo del distacco e al tuo interesse in merito
  • È possibile distaccare dipendenti anche per lunghi periodi
  • Non può essere una soluzione definitiva

Luogo di lavoro

  • il lavoratore viene “dato in prestito” a un’altra azienda
  • sarĂ  il datore di lavoro dell’azienda ospitante ad avere il potere direttivo
  • se l’azienda ospitante (distaccataria) dista oltre 50km dalla tua potrai procedere solo per comprovate ragioni tecniche, organizzative, produttive o sostitutive

Burocrazia2

  • entro 5gg dall’inizio del distacco dovrai inviare l’UniLav di trasformazione del rapporto di lavoro
  • nei confronti del lavoratore non è prevista una forma di comunicazione precisa. Tuttavia, è consigliabile consegnare una lettera individuale al dipendente che riporti i dettagli del distacco come integrazione del contratto di lavoro

Forme di distacco

Esistono varie forme di distacco come:

  • distacco parziale: il dipendente svolge solo una parte del suo lavoro nell’azienda distaccataria
  • distacco per evitare riduzioni di personale: deve essere concordato con i sindacati e può essere usato per evitare il licenziamento

3. Trasferimento

Caratteristiche

  • puoi trasferire i dipendenti da un’unitĂ  produttiva all’altra a tua discrezione, purchĂŠ la decisione sia motivata da esigenze tecniche, produttive o organizzative
  • il lavoratore non può rifiutare il trasferimento, salvo casi specifici (i dettagli piĂš avanti)

Attenzione! Il rifiuto ingiustificato del lavoratore ad un trasferimento legittimo può essere inquadrato come insubordinazione e conseguente giusta causa di licenziamento.

Durata

Il lavoratore cambia sede di lavoro in maniera stabile: non è una misura momentanea!

Burocrazia

  • entro 5gg dal trasferimento dovrai inviare l’UniLav di trasformazione della sede di lavoro 
  • nei confronti del lavoratore non è prevista una forma di comunicazione precisa, salvo diversamente indicato nel CCNL. Tuttavia, è consigliabile la forma scritta con l’indicazione dei motivi che hanno portato al trasferimento
  • il CCNL può prevedere specifici limiti di preavviso che dovrai rispettare (e.g. Metalmeccanici 20gg)

IndennitĂ 

Per i trasferimenti che prevedono il cambio di residenza i CCNL possono prevedere specifici rimborsi come:

  • rimborso spese di viaggio per il trasloco
  • rimborso trasporto mobilio e bagagli
  • rimborso caparra, qualora non sia stato possibile sciogliere un precedente contratto di locazione

Limiti

Non tutti i lavoratori possono essere trasferiti. Devi considerare le limitazioni per:

  • disabili gravi e care giver: non possono essere trasferiti senza il loro consenso
  • specifiche categorie o per la generalitĂ  dei dipendenti secondo quanto previsto dai CCNL (e.g. CCNL Metalmeccanica impone limiti di etĂ  da rispettare)
  • altri casi meno rilevanti

Domande Frequenti

Posso distaccare un lavoratore per effettuare un’attività che preveda il mutamento delle sue mansioni?

La risposta è: ni. Potrai farlo solo se il lavoratore accetta.

Posso distaccare un lavoratore a tempo determinato?

Si, nel rispetto del tempo massimo di validitĂ  del contratto

Il lavoratore può chiedere di essere trasferito?

Si, può esprimere per iscritto la volontà di essere trasferito in un’altra sede lavorativa. Dovrai valutare la richiesta nel rispetto dei principi di rispetto e buona fede e non in maniera arbitraria.

Entro quanto può essere contestato il trasferimento?

Entro 60gg il trasferimento dovrĂ  essere impugnato e entro i successivi 180gg dovrĂ  essere depositato in Tribunale un eventuale ricorso o effettuata la richiesta di tentativo di conciliazione o arbitrato

  1. dovrai pagare tasse e contributi sul 50% dell’indennità fissa. ↩︎
  2. Il premio INAIL per il dipendente distaccato dovrà essere calcolato secondo gli indici di rischio dell’azienda distaccataria. ↩︎
Autore dell’articolo
Margherita M. Pili Margherita M. Pili Assistente Legale
Margherita è assistente legale presso un primario studio di avvocati giuslavoristi, dove lavora da oltre 8 anni. Ha una passione per la semplificazione e una profonda conoscenza della legge del lavoro.

Nota rapida: questa non deve essere considerata una consulenza fiscale. PoichĂŠ le norme fiscali cambiano nel tempo e possono variare a seconda del luogo e del settore, consultate un commercialista o un consulente fiscale per avere indicazioni specifiche. Trova un consulente paghe con Jet HR.

Revisionato da

Questa pagina è stata verificata tramite un processo a 3 fasi: scrittura, controllo e chiarezza. Scopri e leggi il nostro processo d i revisione.